Posts filed under ‘hayley mills’

Trappola per genitori: Vacanze Hawaiane

vacanze-hawaiane

Informazioni: Un film di Mollie Miller. USA 1989. Durata 100 minuti. Genere: commedia. Cast: Hayley Mills (Susan Evers/Sharon McKendrick), Barry Bostwick (Jeffrey Wyatt), Joy Creel (Megan Wyatt), Leanna Creel (Lisa Wyatt), Monica Creel (Jessie Wyatt), John M. Jackson (Ray), Sasha Mitchell (Jack), Lightfield Lewis (Tim), Glenn Shadix (Chet), Jayne Meadows (Charlotte Brink ).

Susan ed il suo amato Jeffrey stanno finalmente per sposarsi: tutto è pronto per le nozze, ma la donna ha una forte paura di non essere accettata dalle tre gemelle di lui, Lisa, Jessie e Megan.
Per questa ragione tenta costantemente d’instaurare un buon dialogo con ciascuna di loro.
Improvvisamente, arriva una notizia: Jeffrey ha ereditato un albergo alle Hawaii!
Entusiasta, l’uomo ricorda la sua gioventù su quelle favolose spiagge, l’hula-hula ed il bellissimo hotel che ora è suo!
Le ragazze vorrebbero subito correre a visitarlo e, con un piccolo stratagemma, convincono il padre e Susan a fare scalo alle Hawaii prima di partire per il viaggio di nozze.
Giunti all’aeroporto, Lisa fa subito la conoscenza di Jack, un ragazzo belloccio ed esperto di immersioni: stufa di essere sempre puntata da “belli ma stupidi”, la ragazza lo snobba.
Finalmente la famigliola raggiunge l’albergo di loro proprietà, ma trovano uno scenario completamente differente dai ricordi di Jeffrey: si presenta loro infatti un edificio vecchio e malandato, all’interno del quale conoscono il direttore Chet e quei pochi clienti che ancora vi fanno visita.
Sconsolato ma deciso a rimettere in piedi l’attività, Jeffrey si mette subito al lavoro: pulisce e lavora tutto il giorno, aiutato dalla moglie Susan.
Nel frattempo quest’ultima vorrebbe stringere un bel rapporto con le sue figliastre ed organizza svariate attività per trascorrere del tempo assieme, ma senza risultato.
L’unica che sembra gradire la compagnia degli adulti è la timida Megan, messa sempre in disparte dalle sorelle.
Un giorno sulla spiaggia Susan e Megan conoscono la signora Harris che, guardando un disegno della ragazza, le dice che ha un figlio artista di nome Tim e le lascia il suo numero di telefono.
Megan però non ne vuole sapere e ripone il numero di Tim in un blocco note.
Nel frattempo Jessie è responsabile di un incidente nel corso del quale la signora Brink, ricca ospite dell’albergo, si rompe una gamba: per evitare che la donna faccia causa al padre si mette completamente al suo servizio, esaudendo ogni sua minima richiesta, talvolta aiutata dalle sorelle.
Dopo l’ennesimo battibecco, Lisa decide di fingersi Megan per incontrare Tim e trovarle finalmente un fidanzato: l’incontro però non va come la ragazza aveva immaginato ed anzi, lei stessa s’innamora di Tim.
Lisa è infatti attratta dal fatto che Tim la giudica per come è dentro, non per il bell’aspetto che ha: decisa a non perderlo, continua a fingere di chiamarsi Megan.
Nel frattempo la vera Megan viene scambiata per Lisa da Jack: il giovane la invita a fare immersioni e tra i due scocca immediatamente la scintilla.
Dopo varie incomprensioni, le due coppie possono vivere le rispettive storie serenamente.
Poco dopo giunge in hotel una vecchia conoscenza di Jeffrey, un certo Ray: egli in passato ha tradito la fiducia dell’amico rubandogli la fidanzata ed ora vorrebbe acquistare l’albergo per farne un parcheggio!
Tutto questo ovviamente all’insaputa di Jeffrey che invece pensa che voglia semplicemente ristrutturarlo e portarlo all’antico splendore!
Casualmente Jessie riesce a scoprire l’inganno e, assieme alle sorelle, cerca le prove di questo piano: una volta giunte in possesso di certezze, riferiscono la cosa a Susan che nel frattempo ha furiosamente litigato col marito a causa di incomprensioni.
Al termine del film, grazie anche all’aiuto di Sharon, la gemella di Susan, i Wyatt riusciranno a smascherare Ray e venderanno l’hotel alla signora Brink, da sempre amante della struttura originale.

Rispetto al prequel devo ammettere che questo film mi ha molto deluso: ok che è una pellicola per famiglie, però risulta alquanto scontato ed addirittura stucchevole in alcune sequenze.
In particolare, le ragazze sembrano troppo ingenue ed infantili: la dolce Jessie che si prostra al cospetto della signora Brink perchè si sente colpevole quando l’incidente è avvenuto palesemente per un caso sfortunato; Lisa e Megan che si rincorrono come cane e gatto per futilità e che s’innamorano in pochi secondi…insomma, troppo inverosimile!
Probabilmente il mio giudizio in merito è anche dettato dal fatto che siamo in un’epoca del tutto diversa da quella descritta: di sicuro le ragazzine di oggi sono molto più sveglie di quelle degli anni Novanta, però come le gemelle mi sembra davvero troppo!
Per il resto la trama è alquanto noiosetta, ambientazioni bellissime, ma la pellicola manca di appeal.

Da guardare una volta in famiglia.

Voto personale: 5 /10.

Annunci

agosto 13, 2014 at 10:14 am

F.B.I. Operazione Gatto

Informazioni: Un film di Robert Stevenson. USA 1965. Durata 116 minuti. Genere: commedia. Cast: Hayley Mills (Patti Randall), Dean Jones (Agente Zeke Kelso), Dorothy Provine (Ingrid Randall), Elsa Lanchester (Miss Miller), Tom Lowell (Canoa Henderson), Roddy MacDowall (Gregory Benson), Frank Gorshin (Iggy), Neville Brand (Dan).

Siamo in una tranquilla e piacevole cittadina americana, nel pieno degli anni Sessanta.
Un grazioso gatto nero di nome GiGi passeggia per la strada e compie il suo solito giro notturno: passa a salutare una gattina poco distante da casa, passeggia per vicoli e giardini facendo infuriare i cani del quartiere, giunge dal pizzicagnolo che gli lascia sempre qualche avanzo.
Mentre scruta l’interno del negozio il felino viene attratto dall’odore proveniente da una busta portata in giro da un uomo.
GiGi non può resistere a tale delizia ed insegue l’uomo fin dentro il suo appartamento: qui si scopre che egli è un malvivente facente parte di una banda che proprio quella mattina ha rapinato una banca ed ha preso in ostaggio la cassiera, l’impaurita Miss Miller.
Nell’appartamento ben nascosto troviamo quindi i due manigoldi Iggy e Dan e la povera vittima del rapimento, attualmente imbavagliata.
Iggy, colui che è stato inseguito dal gatto, prova subito simpatia per questo visitatore, mentre Dan molto circospetto non vuole averlo tra i piedi.
Quest’ultimo decide di depistare la polizia con false tracce di denaro e, mentre pianifica il da farsi, ordina a Miss Miller di cucinare ciò che il suo complice ha comprato.
La donna, ritrovatasi vicino al gatto, gli mette come collare il suo orologio e cerca di incidere nella cassa dietro al quadrante la parola “AIUTO”, ma viene interrotta.
Sconsolata, riesce comunque a far uscire il gatto senza che i due si accorgano del disperato tentativo di chiedere soccorso.
GiGi riprende la strada di casa: qui incontriamo la sua padroncina Patti ed il suo amico Canoa.
La ragazza vive in questa grande casa con i suoi genitori, attualmente in vacanza, e la sorella maggiore Ingrid che ha una frequentazione con l’antipatico vicino di casa Gregory.
Mentre i due ragazzi stanno conversando in salotto, Patti nota l’orologio e la scritta subito dietro: interrogandosi su questo caso la fanciulla passa la notte in bianco.
La mattina successiva il mistero è svelato: l’orologio è della povera Miss Miller!
Patti chiama subito l’FBI che però non ammette un orologio con una scritta poco chiara sul retro come prova, nonostante un agente, tale Zeke Kelso, sia da subito interessato alle teorie di Patti.
Tramite uno stratagemma però, la ragazza riesce ad incuriosire le autorità e Kelso viene assegnato al caso: si trasferisce quindi nella dimora dei Randall ed attrezza il collare di GiGi con un microfono nascosto.
Inizialmente scortato da vari uomini, poi da solo, Kelso insegue GiGi che però compie dei giri infruttuosi.
Una sera però, anche Patti si mette all’inseguimento di Kelso e GiGi; la ragazza non sa che a sua volta è seguita da Canoa.
Alla fine del film il gatto porta Kelso e Patti direttamente nell’appartamento dei due malviventi che, smascherati, tentano la fuga.
L’agente riesce ad imprigionarli, mentre Miss Miller è finalmente libera!
La storia termina con il fidanzamento tra Kelso ed Ingrid, Patti e Canoa e GiGi con una graziosa gattina.

Di recente, so che la Dismey ha voluto proporre dei remake di queste pellicole, ma, dopo averne visti alcuni, mi sento di dire che quelli originali sono sicuramente più carini.

Questo film mi ricorda la mia infanzia: la Disney proponeva delle storie affascinanti, con un pizzico di tensione, ma pur sempre con il lieto fine.
La presenza dei soliti volti noti della casa cinematografica, come Dean Jones ed Hayley Mills facevano sentire tutti noi al sicuro, certi che i nostri amici avrebbero risolto le cose nei migliori dei modi.
Le interpretazioni sono tutte simpatiche e piacevoli: sia i protagonisti che i loro antagonisti sono perfettamente in grado di rendere tensione, spasso, circospezione e molto altro.
Il personaggio principale, ossia il gatto GiGi da subito conquista il pubblico: la regia lo rende simpatico e soprattutto comprensibile, caricando di significati semplici azioni quotidiane.
Le ambientazioni, le musiche, i costumi sono ottimi.

Consigliato per una serata in famiglia.

Voto personale: 7 / 10

 

luglio 3, 2014 at 9:28 am

Una trappola per Jeffrey (The Parent Trap III)

Premessa: questo è un film della fine degli anni Ottanta, terzo capitolo di una saga cominciata con il più celebre “Un cowboy con il velo da sposa”: quando ero bambina lo conoscevo con il titolo “Una trappola per Jeffrey” poi, negli anni temo gli abbiano cambiato nome con “Trappola per genitori III”, traduzione letterale di “The Parent Trap III”.

Informazioni: Un film di Mollie Miller. USA 1989. Durata 100 minuti. Genere: commedia. Cast: Hayley Mills (Susan Evers/Sharon McKendrick), Barry Bostwick (Jeffrey Wyatt), Patricia Richardson (Cassie McGuire), Ray Baker (Nick), Joy Creel (Megan Wyatt), Leanna Creel (Lisa Wyatt), Monica Creel (Jessie Wyatt), Christopher Gartin (David), Jon Pennel (Orso), Loretta Devine (Thelma).

Il film comincia in aeroporto: le tre gemelle Megan, Jessie e Lisa sono di ritorno dalle vacanze estive.
La studiosa Megan e la dolce Jessie hanno visitato gli Stati Uniti mentre la stravagante Lisa è stata a Parigi: la ragazza ha portato dall’Europa un souvenir molto particolare, un ragazzo che si fa chiamare “Orso” e di cui è pazzamente innamorata.
Il padre delle fanciulle, Jeffrey, le aspetta con ansia: vedovo da qualche anno, ha deciso di sposarsi con la sua nuova compagna, Cassie.
Per rendere la casa più confortevole con l’arrivo della sua nuova moglie, Jeffrey e Cassie hanno predisposto dei restauri in casa, di cui si occuperà la stimata arredatrice Susan Evers.
L’incontro tra le tre gemelle ed il loro padre è abbastanza teso ed imbarazzato, situazione dovuta alla presenza di Orso.
Anche Megan e Jessie non sono molto contente del nuovo fidanzato della sorella, in quanto in realtà lei ha già un ragazzo chiamato David.
Lisa si trova quindi tra due fuochi: indecisa, chiede a Jessie di fingere di essere lei per qualche giorno e di uscire con David, affinchè possa liberamente scegliere tra il ragazzo ed Orso.
All’inizio Jessie accetta (anche perchè segretamente innamorata di David), poi però il padre smaschera l’inganno e David corre via adirato.
Dopo l’ennesima discussione con il padre Lisa scappa di casa con Orso: è però costretta a chiedere di nuovo aiuto alle sorelle in quanto la moto del ragazzo è rotta e non hanno abbastanza soldi per aggiustarla.
Le ragazze corrono in suo soccorso e vengono seguite di nascosto da Jeffrey e da Susan, che casualmente si è trovata coinvolta nell’inseguimento.
Raggiunti Orso e Lisa scoppia una rissa, al termine della quale Orso va via da solo, David corteggia Jessie e Jeffrey finisce con un occhio nero.
Le cose sembrano tornate alla normalità quando le tre gemelle si mettono in testa di far fidanzare il loro padre con Susan: Cassie non è adatta per lui.
Escogitano quindi una serie di tranelli volti a far incontrare e rimanere soli Jeffrey e Susan: i due però cercano in tutti i modi di evitarsi, quindi le ragazze sono costrette a chiedere aiuto a Sharon, la gemella di Susan, in città per qualche giorno.
Sharon si fa quindi scambiare per la sorella e, il giorno delle nozze tra Jeffrey e Cassie, riescono ad isolare lo sposo con Susan: al termine del film il matrimonio salta e Cassie trova conforto nell’amico Nick.
Jeffrey e Susan possono quindi sposarsi per la gioia delle tre giovani gemelle.

Questo film è estremamente gradevole.
Passato pochissimo in televisione, dubito fortemente che esista la versione italiana in dvd.
Rispetto al secondo capitolo della saga è molto carino, frizzante e ritmato, con un cast di attori simpatici e capaci.
Le gemelle sono a dir poco favolose, molto diverse tra loro: è molto facile distinguerle in ogni scena, in quanto ciascuna di loro ha una propria personalità ben demarcata.
I due protagonisti Bostwick e Mills sono ovviamente molto intensi e capaci, anche se una menzione speciale la farei per la grande Patricia Richardson davvero simpatica e divertente nei panni di una sciroccata in cerca di marito.
La storia è sì un po’ banalotta ma il ritmo della pellicola e la regia la rendono interessante ed appassionante.

Consigliato per tutti, in particolare per i giovanissimi e le adolescenti.

Voto personale: 7 /10.

aprile 20, 2011 at 2:05 pm 2 commenti

Magia d’Estate

Informazioni: Un film di James Neilson. USA 1963. Durata 108 minuti. Genere: commedia. Cast: Hayley Mills (Nancy), Dorothy McGuire (Signora Carey), Burl Ives (Osh Popham), Deborah Walley (Julia Carey), Eddie Hodges (Gilly Carey), Jimmy Mathers (Peter Carey), Una Merkel (Maria Popham), Michael J. Pollard (Digby Popham), Wendy Turner (Lallie Joy Popham), Peter Brown (Tom Hamilton).

Siamo ad inizi Novecento.
La famiglia Carey, dopo la dipartita del padre, è in gravi difficoltà economiche.
La giovane Nancy decide di aiutare sue madre scrivendo una lettera al proprietario di una bellissima casa gialla situata in campagna, al fine di trasferirsi lì con la famiglia, per limitare le spese date dalla vita in una grande città come Boston.
La risposta è affermativa: la famiglia Carey potrà vivere nella vecchia casa gialla di campagna.
Nancy è felicissima e comunica la notizia al fratello Gilly ed al piccolo Peter che accolgono la novità con qualche perplessità.
Arriva il giorno del trasferimento: i Carey conoscono da subito il signor Popham, custode della casa nonché proprietario di un emporio.
Il signor Popham prende subito in simpatia Nancy ed i suoi fratelli, soprassedendo su tutte le piccole bugie che la ragazza gli ha scritto per convincerlo a lasciarli vivere presso la villa.
I Carey riescono quindi ad integrarsi nella piccola cittadina, fino a quando giunge in visita l’altezzosa cugina Julia, viziata e schizzinosa.
Nancy da subito entra in competizione con lei, anche nella conquista del nuovo insegnate del paese: Julia ha la meglio e, dopo una furibonda litigata, le due ragazze diventano amiche.
Nancy è ormai rassegnata a stare sola, quando, durante i preparativi per la festa in onore della casa gialla rimessa a nuovo, incontra un misterioso ragazzo di nome Tom.
Quest’ultimo altri non è che il vero proprietario della villa che, furibondo, corre da Popham per ricevere spiegazioni, in quanto ignaro dell’esistenza di affittuari nella sua proprietà.
Il droghiere gli racconta tutto e gli consegna una serie di lettere scritte da Nancy per ringraziarlo della sua ospitalità.
Tom capisce così la buona fede sia di Popham che dei Carey e partecipa alla festa.
Al termine del film Tom svela a Nancy la sua identità ed inizia a corteggiarla.

Questa pellicola fa parte di un filone di film Disney risalente agli anni Sessanta, quasi interamente costruito sull’attrice Hayley Mills.
La pellicola risulta davvero gradevole: le ambientazioni, i costumi, gli attori, sono tutti davvero piacevoli ed in linea con i fatti narrati.
La scenografia è superba, così come la musica, protagonista in molte scene del film.
La trama è accattivante e talvolta divertente, con un pizzico di romanticismo.
La regia ottima, così come la fotografia.

Consigliato per tutti, per trascorrere una serata davvero gradevole.

Voto personale: 7 /10.

aprile 6, 2011 at 7:39 am

Il cowboy con il velo da sposa

Informazioni: Un film di David Swift. USA 1961. Durata 124 minuti. Genere: commedia. Cast: Hayley Mills (Sharon McKendrick/ Susan Evers), Maureen O’Hara (Margareth “Maggie” McKendrick), Brian Keith (Mitch Eevers), Una Merkel (Verbena), Joanna Barnes (Vicky Robinson).

America, anni ’60.
Il film comincia con un allegro capo estivo: le ragazze arrivano da varie parti degli Stati Uniti per trascorrere qualche mese in compagnia di tante altre coetanee praticando sport e partecipando a numerose escursioni.
Tra queste allegre fanciulle ci sono le tredicenni Sharon McKendrick e Susan Evers: le due si assomigliano come due gocce d’acqua e ben presto la cosa viene notata sia dai responsabili del campo (che le credono sorelle) sia dalle compagne.
La somiglianza porta tra le due una fortissima antipatia, che sfocia in una serie di scherzi l’una ai danni dell’altra.
Le schermaglie culminano nel corso di un ballo: Sharon è stata esclusa per colpa di Susan; mentre la nemica chiacchera con un cadetto, Sharon le taglia l’abito, facendole fare una figuraccia.
Il tiro mancino scatena l’ira della ragazza e le due cominciano a litigare rovinando l’intera festa: per punizione, la direttrice del campo impone loro di convivere per tutta l’estate, isolate dalle altre.
Inizialmente, le due ragazze tentano d’ignorarsi; poi, piano piano, riescono ad instaurare un dialogo al termine del quale scoprono di essere sorelle gemelle.
Giorno dopo giorno Susan e Sharon ricostruiscono le loro storie e decidono di scambiarsi il posto per conoscere i rispettivi genitori: Sharon, che da sempre vive con la mamma Maggie andrà a casa Evers, Susan, sotto la tutela paterna, andrà a casa McKendrick.
Gli ultimi giorni al campo sono, per le due sorelle, ricchi di studio: cercano di entrare l’una nella vita dell’altra imparando nomi, persone, oggetti e disposizione delle case.
Sharon è anche costretta a tagliarsi i capelli ed a mangiarsi le unghie pur di sembrare come la sorella.
Al termine dell’esperienza al campo le ragazze si separano ed attuano il loro piano: apparentemente, riescono a far sì che i parenti non capiscano l’inganno.
Sharon nei panni di Susan, apprende però che il padre è prossimo alle nozze con una certa Vicky: chiama quindi subito Susan per far sì che il loro gioco venga palesato e che la madre corra in California per scambiare le figlie.
Alla fine è proprio ciò che accade: Susan racconta tutto alla madre, le due si ricongiungono e volano insieme alla volta della California.
Qui Mitch, alla viglia delle nozze, incontra la sua ex moglie e viene finalmente a sapere la verità: le due gemelle li hanno ingannati e non vogliono più separarsi.
Sharon e Susan fanno di tutto per riunire i genitori e per allontanare Vicky ed alla fine ci riescono: Maggie e Mitch torneranno a stare insieme e finalmente le gemelle potranno vivere da vere sorelle.

Il film, seppur datato, è davvero divertente: l’idea è originale ed appassionante.
Le tematiche affrontate sono abbastanza importanti ma descritte con garbo ed eleganza.
Questa pellicola fa parte della serie Disney di qualche anno fa, che vedeva come assoluta protagonista la bravissima Hayley Mills.
Gli attori, inclusa la protagonista (che ha dovuto sdoppiarsi in maniera sublime) sono tutti molto bravi e simpatici, in particolare il grande Brian Keith.
Le ambientazioni sono meravigliose, in grado di far sognare lo spettatore: viene descritta un’America benestante e perbene, lontana da qualsiasi forma di volgarità.

Altamente consigliato per coloro che volessero trascorrere una piacevole serata in compagnia di tutta la famiglia e degli amici.
Particolarmente indicato per le giovanissime.

Voto personale: 8/10.

giugno 17, 2010 at 4:02 pm


dicembre: 2018
L M M G V S D
« Lug    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Cookie Policy

Scopri la cookie policy